CRISTIANO BERTI

maggio 19, 2013 in ARTICOLI

“VERTIGINE DEL REALE”

“Vertigine del reale” è un catalogo della casa editrice Allemandi in cui sono raccolte le foto dei progetti, realizzati a partire dal 2001, dall’artista torinese Cristiano Berti. Le immagini sono accompagnate dai testi di commento di Luigi Fassi.
Cristiano Berti è come un archeologo del presente o del recente passato, alla ricerca di tracce utili ad una lettura profonda del reale.
Di fronte al comune modo di ritrarre la realtà lui, come una sorta di “Mary Poppins”, sceglie di saltarci dentro, alla scoperta di quel che c’è al di là del sentiero riprodotto nel quadro. Così facendo si ha modo di scoprire che spesso il reale, nei suoi più comuni e trascurati particolari, può nascondere le più inaspettate sorprese. Nelle pieghe del quotidiano che consideriamo noioso, ripetitivo, trascurabile, inutile, l’artista è capace di far sortire fuori mondi sconosciuti, degni delle fantastiche peripezie dei cavalieri erranti dell’Ariosto o dell’irrefrenabile desiderio di conoscenza dell’omerico Ulisse.
La sua ricerca serve certo a riflettere sul reale, ma anche a non prendersi troppo sul serio, o non più del dovuto. È una delle possibili letture del progetto della mostra: “Cristiano Berti”, del 2003, in cui espose sei gigantografie ritraenti altrettanti (viventi ed esistenti) Cristiano Berti .
Il punto di partenza spesso è la cronaca, ma da vero artista, per lui non è che lo spunto, il “sentiero” che lo conduce all’epico, al mito, alla “vertiginosa” visione del reale.

Non vi elenco e descrivo le sue opere poiché ovviamente esiste un sito di Cristiano Berti, ricco di immagini e descrizioni (anche se solo in inglese).
Siamo su internet, motivo per cui aggiungo il link di un altro articolo, suggeritomi dall’artista, dove vi è un’ampia descrizione delle sue opere (in italiano questa volta). Ripetere quindi, sarebbe per me faticoso e superfluo per voi. No?!

Cristian Barbato

 

IL LIBRO SU alemandi.com