POLITICA DELL’ACCOGLIENZA?

gennaio 11, 2016 in ARTICOLI

 

immigrati

Ma perché nessuno pone una domanda elementare e banalmente rivelatrice del senso di tutto quanto sta accadendo tra Africa e Europa in questo momento?

Domanda: “Come mai tutti i governi d’Europa, compresi quelli più conservatori, spingono per la “politica dell’accoglienza”? Come è possibile visto che è una politica che non ha mai portato voti e oggi meno che mai dopo le vicende di Parigi?”

Nel recente passato, cioè fino ad un annetto fa, nemmeno un governo di sinistra avrebbe mai spinto tanto per una “politica dell’accoglienza” senza se e senza ma, propagandandola sui maggiori organi di informazione, condannandosi al suicidio elettorale. Ora è cambiato qualcosa. I bambini morti? Ne muoiono continuamente da almeno dieci anni sulle barche della speranza. Ma certo, nessuno li aveva mai fotografati, nessuno aveva mai intervistato i genitori e nessuno aveva trasmesso le immagini e le interviste su tutti i telegiornali. Quindi è una questione di riflettori spenti o accesi. Quando si tengono spenti i riflettori, quando si accendono e perché?

Leggi il resto di questa voce →

VENTITRE’ MAGGIO

maggio 16, 2015 in IMMAGINI&PAROLE

Rosaria Costa Schifani moglie di vitoPoveri voi

che credete d’esser vivi

calata è l’ombra

voi senz’anima

voi privi di suoni

 

Poveri voi

non vi si aprì la terra sotto i piedi

e vi parve niente

voi imbalsamati

voi senza speranza

 

Poveri voi

tumulati nella quotidiana pochezza

cadaveri ambulanti

vampiri di senso

che ribrezzo guardarvi Leggi il resto di questa voce →

25 APRILE 2015 ?

aprile 25, 2015 in ARTICOLI

Pasolini LiberazioneIl 25 aprile 1945 l’Italia si libera. Purtroppo quella libertà sarà vera ed autentica solo per alcuni anni, poi subito è ricominciato il lavoro di ricostituzione di mille catene e di attacco alla stessa Costituzione. Dapprima ignorandola, disattendendola in ogni modo possibile. Poi nella così detta “seconda repubblica” siamo arrivati addirittura alle picconate, agli attacchi, alle demolizioni plateali, che perdurano fino ad oggi. Oggi che non si capisce nemmeno più in che edizione della vita repubblicana ci troviamo. Il 25 aprile del 1945 l’Italia era libera, ma nel 2015?

Leggi il resto di questa voce →

C’E’ TROPPO SILENZIO!

marzo 8, 2015 in ARTICOLI

Borsellino: Di Matteo, dovere di cercare verità a ogni costo

Torino, sabato 7 marzo, ore 20,30. E’ terminato da poco, presso il Centro Congressi Santo Volto, l’incontro organizzato dalle Agende Rosse torinesi “Gruppo Paolo Borsellino”. L’incontro era intitolato: “La Lotta alla Mafia… un movimento culturale e morale”. Sono intervenuti: Paolo Borsellino, Sabina Guzzanti, Marco Travaglio ed il sindaco di Messina Renato Accorinti. Su tutti si sentiva straordinariamente l’energia del più eccellente tra gli attuali combattenti in prima linea, nell’attuale fronte antimafia. Sto ovviamente parlando di Antonino Di Matteo. Forte era la sensazione della sua presenza malgrado l’assenza fisica per motivi di sicurezza, decisa a poche ore dall’inizio dell’incontro.

Leggi il resto di questa voce →

SAGGI o IGNAVI?

gennaio 17, 2015 in ARTICOLI

Dante_Alighieri_1Spesso (troppo spesso) si suppone che ad una saggia posizione d’equilibrio corrisponda una limitata esposizione di se stessi. Una grande prudenza nel mettere in gioco il proprio punto di vista o la propria azione. Spesso (troppo spesso) si confonde l’essere saggi con il farsi, silentemente e inattivamente, i fatti propri.

Dante Alighieri, che nel suo poema non destinò a se un posto in paradiso, chiamava “ignavi” chi si portava in tal modo, facendoli oggetto di tanto disprezzo da non ritenerli degni nemmeno dell’inferno. Perfino gli stessi dannati infernali, essendo gli ignavi “a Dio spiacenti e a’ nemici sui”, non desiderano mischiarsi alle “anime triste di coloro che visser sanza ‘nfamia e sanza lodo”.

Tra gli odierni “ignavi” ci sono anche quei conservatori borghesi, supposti di aria più progressista, spesso cultori di filosofie e religioni orientali. Purtroppo paiono conoscere e attuare molto superficialmente, malamente, tali filosofie, travisandole per lo più per filosofie dell’immobilità, dell’inazione, e dell’accentramento su se stessi.

Leggi il resto di questa voce →

1992 “LE STRAGI DELLA BELLEZZA” (In Italia ci sono “istituzioni” e “istituzioni”)

novembre 28, 2014 in ARTICOLI

Salvatore Borsellino

Giovedì 27 novembre, all’Auditorium del Majorana a Grugliasco, si è svolto un incontro con Piera Aiello e Salvatore Borsellino. All’inizio di uno dei fogli di presentazione della serata, consegnati all’entrata, c’era una frase di Albert Camus che recitava: ”Nel mondo vi è la bellezza e vi sono gli oppressi, per quanto difficile possa essere, io vorrei essere fedele ad entrambi”. Dopo aver ascoltato, ad inizio serata, la compagnia “Viartisti Teatro” precisare ed insistere nel dichiararsi una compagnia di teatro civile, ho capito meglio il senso in cui si è intesa utilizzare questa frase. Comunque appena letta ho sentito nascere in me un’obiezione, in quanto la frase suggerisce si possa anche essere fedeli alla bellezza essendo infedeli agli oppressi, e viceversa. Su questo non mi sarei trovato d’accordo prima dell’incontro, ma non mi ci trovo neanche dopo e a maggior ragione.

All’epoca delle stragi di Capaci e Via D’Amelio ero poco più che ventenne. Piansi lacrime amare di rabbia. Piansi lacrimoni, quando ascoltai Rosa Costa (vedova Schifani), parlare dal pulpito della chiesa durante il funerale per la strage di Capaci. Ho pianto tante volte guardando le interviste, i commenti, le testimonianze registrate di Falcone e Borsellino, tra le quali ce ne sono alcune che ancora oggi non posso ascoltare senza perdere il controllo di me stesso.  Leggi il resto di questa voce →

IL VINO! COME SCEGLIERE TRA TANTE BOTTIGLIE?

aprile 16, 2014 in SCONSIGLI PER GLI ACQUISTI

Scelta del Vino

Al vino, come all’olio, è legata la nascita della civiltà intorno al Mediterraneo.
Non si può certo dire che non se ne parli abbastanza. Malgrado tutto da parte di molti, quando si tratta di scegliere, pare ci sia comunque un certo disorientamento e idee confuse. Forse perché il martellamento pubblicitario dei mezzi di comunicazione, non sempre è direttamente proporzionale ad un’informazione chiara e semplice. Vediamo se riusciamo a fare meglio.
Le cose che si possono dire intorno al vino sono numerosissime, quindi come prima cosa bisognerà compiere lo sforzo di selezionarne poche ed essenziali.
Andando così a naso, in Italia è difficile incappare in un vino proprio imbevibile. Una scelta frettolosa e scriteriata però, è comunque un terno all’otto e difficilmente ci indurrà a fare la scelta migliore nel rapporto qualità prezzo. In oltre e soprattutto, ci perdiamo la meravigliosa opportunità di bere vini davvero buoni, o addirittura fantastici, a prezzi non necessariamente eccessivi.

Leggi il resto di questa voce →

GARY BARTZ & RICCARDO RUGGIERI QUARTET

agosto 25, 2013 in Senza categoria

Gary_Bartz COL

Riccardo_Ruggieri COL

Il “Due Laghi Jazz Festival”, prestigiosa manifestazione musicale che come ogni anno si svolge ad Avigliana (TO), ha quest’anno in locandina una delle figure più importanti della storia della musica americana: Gary Bartz. Dai suoi primi passi all’interno del Mingus Workshop, alla militanza nel gruppo di Miles Davis (quello di Live-Evil), alla fondamentale esperienza free-funk del gruppo NTU Troop, passando per la pluridecennale collaborazione con Mccoy Tyner e per la sperimentazione musical-letteraria del suo album I’ve known rivers, il sassofonista di Baltimora ha segnato alcune delle tappe più importanti del jazz, dagli anni Sessanta ai giorni nostri. Bartz, in questa unica data italiana, è affiancato da una delle più longeve e formidabili ritmiche del panorama italiano: il trio di Riccardo Ruggieri, pianista e compositore, con Alessandro Maiorino al contrabbasso e Maurizio Cuccuini alla batteria. A loro si aggiunge l’estro, il lirismo e l’originalità di Massimo Baldioli, al tenore e al soprano, anch’egli collaboratore di lunga data di Ruggieri. Il repertorio del gruppo si baserà prevalentemente su composizioni originali di Ruggieri e Bartz. Non una semplice collaborazione en passant, ma una vera e propria produzione artistica originale, in anteprima per il Due Laghi Jazz Festival.

Il concerto avrà inizio alle ore 21,30, in Piazza Conte Rosso,
ingresso libero.
(In caso di pioggia il concerto si svolgerà presso l’Auditorium Eugenio Fassino, via IV novembre 19)

Gary Bartz is, without a doubt, one of the most important personalities of American music. After his studies at the Juilliard School of Music, he started his musical career as a member of the Mingus Workshop, and later he was called by Miles Davis in his “Live-Evil” band. His collaboration with McCoy Tyner is one of the longest and most prolific in jazz history. As a leader, he recorded more than 40 albums, including “I’ve known rivers”, one of the very first experiments of artistic fusion between jazz and literature. Tonight the Baltimore-born artist will be accompanied by the Riccardo Ruggieri trio, one of the most tight-knit jazz rhythm sections in Italy, established over twenty years ago, with Alessandro Maiorino at the double-bass and Maurizio Cuccuini at the drums. The quintet is completed by another incredible saxophone player, Massimo Baldioli. The repertoire will be based mainly on some original compositions by Bartz and Ruggieri. 

Link:
http://www.garybartz.com/
https://myspace.com/riccardoruggieriquartetto
http://duelaghijazzfest.wix.com/jazzfest#!concerto-29-agosto/c1g8w

CRISTIANO BERTI “CICLI FUTILI: GAGGINI”

agosto 25, 2013 in ARTICOLI

Gaggini01Si tratta della nuova opera in progetto di Cristiano Berti, a cui è possibile contribuire economicamente (da 1 dollaro in su) cliccando qui. In questo modo anche con un solo dollaro chiunque sarà in grado di contribuire ad un’opera d’arte. (per contribuire)
È un lavoro che accosta l’immagine e la storia di una cava di marmo bianco, abbandonata da circa cento anni, sulle Alpi, e l’immagine e la storia di una fontana nella città dell’Avana.
La fontana, opera dello scultore Giuseppe Gaggini (Genova 1791 – Genova 1867), è detta de la India. Rappresenta una India in veste neoclassica, è stata realizzata tra il 1835 e il 1837, a Genova, e spedita per mare. Sulle pareti di marmo della cava c’è invece la firma dello stesso scultore, che nel 1836 otteneva la concessione delle cave della zona, diventandone imprenditore. La storia ha creato un legame inatteso tra questi luoghi così distanti tra loro.
Crisiano Berti per il suo progetto intende lavorare sulla loro immagine, congiuntamente ad una ricerca storica che possa ricostruire le vicende della cava, nonché della realizzazione, spedizione e messa in opera della scultura.
Nota bene: la raccolta fondi non è ad obbiettivo fisso (tutto o niente) ma è di tipo “flessibile”, quindi tutto ciò che viene donato viene girato al finanziamento del progetto – tolta una piccola commissione – a prescindere dal fatto che l’obiettivo finale sia raggiunto.  Leggi il resto di questa voce →

IL DOLORE FA CRESCERE ???

giugno 26, 2013 in Senza categoria

the-passion-of-the-christSi pensa che basti essere dei ferventi laici, o addirittura atei, per superare le convinzioni deleterie, di alcuni dei punti di vista più nefasti, sviluppatisi all’interno del cristianesimo. In realtà non tutti i cristiani e i cristiano-cattolici ne sono prigionieri, ma non tutti i laici e gli atei ne sono liberi.
Ad esempio una convinzione diffusa (più o meno inconscia)  tra gli uni e gli altri è che la sofferenza, il dolore, porti spesso o addirittura sempre,  ad una crescita. Questo è il motivo per cui, se già ci siamo fatti del male nel momento in cui ci siamo lasciati andare, quando poi vogliamo risalire la china, rimetterci a posto, (forse inconsciamente per punirci) ci sottomettiamo nuovamente a dolore e sofferenza.
La crescita vera però, quella che non fa danni e non immette in circoli viziosi, avviene solo se si sta seguendo la strada che porta in “quella” direzione.
Leggi il resto di questa voce →